Home - News

Zone Franche Montane: Quarto giorno di presidio allo svincolo di Irosa

Il presidio per l’approvazione della legge sulle Zone Franche Montane allo svincolo di Irosa (in prossimità dell’A19 che collega Palermo con Catania) continua, e arriva oggi al quarto giorno all’addiaccio per il comitato promotore e i sindaci dei 132 comuni montani della Sicilia.
La battaglia continua al freddo e al gelo, per sottolineare la necessità e l’urgenza che le Camere esitino, nell’immediato, le disposizioni concernenti l’istituzione delle zone franche montane in Sicilia. Sarebbero un impulso, uno stimolo operativo per le terre alte di Sicilia, da tempo ai margini dei circuiti economici tradizionali con l’aggravante del Covid in questo ultimo periodo.



Il presidio di Irosa è anche l’occasione per attirare l’attenzione del Parlamento, visto che la legge è ferma in Senato. Questa mattina dal presidio sono partite diverse missive, il Comitato promotore ha scritto al presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati,  al presidente della Camera Roberto Fico e anche al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per chiedere un incontro in presenza digitale per spiegare le istanze e le tante preoccupazioni e per chiedere di agevolare i lavori d’aula.



«Rivendichiamo il diritto di residenza nelle montagne in cui siamo nati – affermano dal presidio – di lavorare dignitosamente e con pari dignità rispetto al resto della Sicilia e dell’Italia. Vorremmo dare speranza ai nostri figli di poter rimanere nella loro terra natia e avere un lavoro, una prospettiva. Una battaglia di civiltà che darebbe un nuova dignità ai lavoratori tutti delle terre alte di Sicilia».




Lascia un commento

*

I nostri Blog